1

Siccità l’Asia a secco!

Chiamiamolo effetto serra, riscaldamento globale, inquinamento criminale o sovrappopolazione non cambia in fondo lo stato delle cose, la situazione comunque è tutt’altro che rassicurante.

In alcuni paesi asiatici come India e Vietnam la siccità sta facendo danni immensi anche alle colture di riso, per altro principale fonte alimentare in questi paesi, quindi è facile immaginare che una persistente siccità come quella attuale potrebbe portare alcune regioni asiatiche verso catastrofi umanitarie d’immani proporzioni.

Il Gange senza acqua

Il più importante fiume indiano non solo per l’acqua, sta prosciugando, le barche adagiate sul letto del fiume di molti corsi d’acqua che affluiscono al grande fiume indiano, specie nell’area del Bengala, dove stanno sperimentando una grande siccità che gli indiani non ricordavano da tempo.

Coltivazioni di riso e vite a rischio, senz’acqua non potranno irrigare le risaie e le coltivazioni andranno probabilmente tutte perdute, un problema che presto esploderà in tutta la sua drammaticità, intere regioni indiane molto popolate rischiano di vedere un’emigrazione di massa colossale!

Il cambiamento climatico riguarda tutti

Spesso quando si parla di cambiamenti climatici, si ha la tendenza a considerare questi fenomeni come distanti e surreali, come se noi italiani ed europei avessimo un’atmosfera diversa da quella indiana, cinese ecc …, non è così, siamo tutti coinvolti, riguarda la Terra quindi tocca ogni essere vivente su questo pianeta!

Il protocollo di Kioto pare sia stato solo una scampagnata tra i politicanti così detti “grandi” della Terra, una barzelletta dall’ironia molto amara, perché comunque le scelte fatte o non fatte oggi, ci presenteranno il conto domani, potremo giurarci non sarà per niente semplice pagarlo!

Vent’anni senza far niente!

Sono passati quasi 20 anni dalla prima redazione dei protocolli di Kioto, a questi hanno fatto seguito vari incontri internazionali, era esattamente il 1997, al tempo il mondo bellissimo come sempre, faceva un po’ meno schifo di oggi.

Se nulla è cambiato in un ventennio, questo vuol dire che in 20 anni non si è fatto nulla, ed è imperdonabile perché se si evidenzia un problema e non si risolve, anzi peggiora, significa che la politica ha fallito, ammesso che alla politica abbia mai interessato qualcosa del futuro del mondo!