1

Uccelli: cieli sempre più vuoti a causa dello sterminio!

Si uccidono animali solo per uno scopo, quello del denaro, in tutto il Mediterraneo ogni anno sono uccisi venticinque milioni di uccelli!

La caccia va abolita non è uno sport, ma un vero massacro di esseri innocenti, e la sfortuna di questi uccelli, è che per emigrare da un continente all’altro devono passare per Mediterraneo, purtroppo in questo passaggio trovano la morte a causa di bracconieri senza scrupoli.

Le trappole micidiali

Questa è una crudeltà, richiami elettronici nascosti nelle scogliere, nei tetti delle case, sugli alberi, accanto a fiumi e nelle pozze d’acqua, addirittura ci sono cecchini nascosti con carabine e balestre per questo sterminio.

L’uomo deve essere riprogrammato, non merita di vivere in questo pianeta meraviglioso, ci sono danni che non si possono più riparare come ad esempio l’inquinamento in molte aree, e in questo caso per le uccisioni di animali che stanno scomparendo per cause indirette e dirette dell’uomo!

Come dice Claudio Celada direttore di conservazione natura Lipu-BirdLife Italia, chiediamo che L’Europa e L’Italia intervenga con un piano antibracconaggio nazionale e con leggi severe per condannare questa illegalità, la situazione è davvero drammatica stanno scomparendo moltissime razze di uccelli, dobbiamo intervenire prima che sia troppo tardi, questo l’appello.

La soluzione estinguere gli appetiti

E’ chiaro che per risolvere questo problema del bracconaggio occorre, intervenire sulla domanda, fin quando questa rimarrà alta, ci saranno sempre bracconieri e malfattori seriali che faranno di tutto per soddisfarla.

Si tratta di un problema culturale, molti di questi uccelli sono imbalsamati, altri catturati e venduti sul mercato nero, mentre altri probabilmente finiscono nelle cucine di qualche ristorante che offre cacciagione nel menù.

Ecco, questo il vero problema da risolvere, far capire alla gente che gli uccelli sono belli da vivi, che è meglio vederli volare liberi piuttosto che impagliati sopra un mobile, la speranza è nella sempre più ampia presa di coscienza!