Londra: ristorante vegan rifiuta banconote da 5 sterline

Londra: ristorante vegan rifiuta banconote da 5 sterline

Londra: ristorante vegan rifiuta banconote da 5 sterline

Se n’è discusso abbastanza la scorsa settimana, oggetto del contendere che ha irritato moltissimi vegani, riguarda la nuova banconota da 5 sterline fresca di stampa, per la quale la Banca d’Inghilterra o chi per lei, ha ben pensato di usare grasso animale per stamparle!

Questa storia ha fatto il giro del mondo creando un certo vespaio, sicuramente giustificato, se non altro perché nel 2016 si trovano sicuramente alternative sintetiche per stampare i soldi, senza ricorrere come sempre allo sfruttamento degli animali, per stampare i soldi poi …!

La Londra vegan ha risposto!

La capitale inglese è una delle città europee con il più alto tasso di ristoranti e locali vegan, in questa metropoli un vegano può sentirsi davvero a casa o almeno non in luogo ostile come spesso accade in molte città.

Era quindi abbastanza prevedibile che accadesse questo, e, infatti, il VegBar di Brixton non si fatto pregare ed ha annunciato ai suoi fedeli clienti che non accetterà banconote da 5 sterline. Non è certamente un vezzo ma coerenza, se non mangi carne, non indossi pelle per quale motivo dovresti accettare soldi insanguinati?

Una coerenza che non fa una piega

Il locale così facendo mantiene una linea di coerenza e fedeltà nella scelta fatta, quindi chi vorrà ristorarsi al VegBar dovrà munirsi di monete o banconote di taglio differente. Una scelta anche coraggiosa, parliamo di soldi, imporsi in questo modo di sicuro sarà stato visto dai non vegani come un gesto estremo, forse lo è, ma … usare grasso animale non si può certo considerare una scelta da uomini “evoluti”!

Questo precedente probabilmente scatenerà un effetto a catena in molti altri locali e ristoranti della città, che per mantener fede alla scelta, per coerenza e rispetto degli animali rifiuteranno queste banconote.

S’ipotizza quindi un boicottaggio collettivo da parte dei vegani, considerando poi i numeri di Londra, sicuramente sarà un bel problema per molte attività, immaginate un vegano londinese che si rifiuta di accettare una banconota da 5 sterline chiedendo in cambio monete!

A questo punto una ristampa potrebbe essere utile se non doverosa!

Continue Reading

Moby veganizza il suo ultimo disco!

Moby veganizza il suo ultimo disco!

Moby veganizza il suo ultimo disco!

L’artista newyorkese famoso per la sua musica elettronica, ha realizzato pezzi famosi che lo hanno lanciato a grandi livelli internazionali, è un convinto vegano, ambientalista al punto di che si è aperto il suo ristorante vegan.

Nel suo ultimo video pubblicato alcune settimane fa, mette in mostra tutto il suo impegno personale nella sensibilizzazione di alcuni temi, quali il sociale e i rapporti ormai compromessi tra persone, mettendo in evidenza un aspetto inquietante ma che tutti conosciamo bene, che è quello della dipendenza da smartphone.

In questo suo ultimo video “Are You Lost In The World Like Me” Moby veganizza il suo lavoro, consiglio di vederlo e ascoltarlo. Evidenzia le lacune sociali ed empatiche contemporanee, zero sensibilità, mostrando l’uomo come perso in una lobotomia virtuale, la cui fine sarà segnata se non si riprende dal dissesto sociale che sta attraversando.

Profondità del messaggio anche vegan

In un punto del video è mostrata una scena in cui alcuni personaggi del cartoon mangiano, o meglio s’ingozzano con hamburger incuranti di cosa stanno mangiando e completamente persi nei loro monitor “smart”.

Il messaggio sociale è a 360 gradi, una prospettiva della vita moderna attuale chiara e molto riflessiva, mostra tutti i disastri che stiamo vivendo, inquinamento e svuotamento della capacità intellettuale della gente, una sintesi che questo cartoon e la musica di Moby insieme al The Void Pacific Choir sintetizza perfettamente.

I sistemi stanno fallendo e non ha tutti i torti

Il titolo dell’ultimo album del vegano Moby s’intitola “These Systems Are Failing”, con un chiaro messaggio politico fatto in musica, la sua musica, quella fatta di ritmi sintetizzati ma che colpiscono e diventano subito familiari.

Tutto questo per dire che l’ambiente e ogni forma di vita su questo pianeta, compresa quella degli uomini, possono essere nettamente migliori grazie al veganesimo e l’ovvia presa di coscienza collettiva per scongiurare la deriva che ci porterà alla catastrofe, i cambiamenti climatici e ogni attività dell’uomo incentrata sullo sfruttamento animale e delle risorse della Terra, ci porteranno alla catastrofe, lo dice in musica … ma lo dice chiaro e forte, bravo Moby!

Continue Reading

Biscotti di pasta frolla senza burro Vegan

rsz_img_20161129_110106Biscotti di pasta frolla  senza burro Vegan

Vi è mai capitato di svegliarvi al mattino e sentire una fame irrefrenabile e di non aver nulla di pronto in dispensa?

Questa ricetta è nata proprio in una di quelle mattine in cui ero affamata e la voglia di uscire per acquistare qualcosa era pari  a zero.

Guardando tra gli ingredienti presenti in casa sono riuscita a realizzare questi biscotti che devo proprio dire il rislutato è stato un successone  😀

Ingredienti per circa 15 biscotti:

300g di Farina 0

100 g di Zucchero integrale di canna

230 ml di olio di semi

3 Cucchiai di latte si soia

Buccia di 1 limone

Un pizzico di sale

Mezzo cucchiaino di Curcuma

Marmellata di mela e zenzero (qualsiasi gusto andrà bene)

Procedimento:

In una ciotola unire tutti gli ingredienti secchi ovvero: farina, lo zucchero di canna, il sale  e la curcuma.

Mescolate tutti gli ingredienti, successivamente aggiungete il latte, l’ olio e la buccia di limone.

Mescolate fino a quando l’ impasto non avrà raggiunto una consistenza compatta.

Lasciate riposare l’ impasto  avvolto nella  pellicola in frigo per circa 30 minuti .

Stendete l’ impasto con un mattarello  (non troppo sottile), tagliate i biscotti con delle formine rotonde.

Ricoprite con la carta forno la  teglia che utilizzerete, metteteci  la metà delle formine realizzate, al centro di ognuna farcitele con un cucchiaio di marmellata (io ho utilizzato una marmellata fatta in casa con mela e zenzero)

Ricoprite con l’ altra formina e chiudete i bordi  di tutti i biscotti con una forchetta, con un coltello  fate due piccoli taglietti come nella foto.

Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

Buona Colazione 😀

rsz_img_20161129_101515

 

 

 

Continue Reading